RAI: 59° ZECCHINO D'ORO

Dal 19 novembre su Rai1, RaiYoyo e RaiPlay

19/11/2016 - 16:45

Lo Zecchino d’Oro giunge alla 59ª edizione, e torna su Rai1 dal 19 novembre al 10 dicembre, tutti i sabati, in diretta dall’Antoniano di Bologna dalle 16.45 alle 18.40, e fino alle 20 per la finale.
12 le canzoni inedite in gara, con le quali il repertorio dello Zecchino d’Oro sale a 740 brani. In questa edizione 2 Paesi Esteri rappresentati, Inghilterra e Finlandia, 18 autori di testi e musiche, 5 arrangiatori, 18 artisti dell’animazione, 15 piccoli interpreti provenienti da 10 diverse regioni d’Italia e selezionati dopo un tour che ha attraversato 18 regioni e 33 città, 60 i bambini del Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano di Bologna diretto da Sabrina Simoni che canteranno insieme ai solisti, e 2 conduttori, Francesca Fialdini e Giovanni Caccamo, per uno Zecchino d’Oro ricco di novità a partire dal format.
 
Saranno 4 i pomeriggi in cui le 12 canzoni verranno ascoltate giorno per giorno in un meccanismo di gara che quest’anno non prevede eliminazioni.
Questa la struttura delle giornate:
19 novembre. Puntata di presentazione. Le 12 canzoni eseguite dai solisti e dal Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano di Bologna diretto da Sabrina Simoni vengono ascoltate tutte, abbinate ai 12 cartoni animati inediti realizzati, in collaborazione con Rai Fiction, da alcune tra le più importanti case di produzione italiane di animazione. Toccherà a una giuria di bambini dare il proprio voto ad ogni brano.
26 novembre. Le canzoni e le performance. L’esecuzione delle 12 canzoni è contestualizzata all’interno di “quadri” e arricchita da performance pensate ad hoc con interventi di ballerini, giocolieri, dj e altri artisti. Anche in questa giornata a votare i 12 brani ci sarà una giuria di bambini.
 
 
3 dicembre.  Zecchino d’Oro Story. La gara si concede una pausa e lascia il posto ad una giornata di emozioni e ricordi: conduttori, ospiti e bambini ripercorreranno insieme le canzoni e i momenti più belli della storia dello Zecchino d’Oro, intervallandoli al riascolto in versione ridotta delle 12 canzoni.
10 dicembre. La finalissima. I 12 brani giungono al momento culmine della gara: la giuria di soli bambini assegnerà il 59° Zecchino d’Oro.
 
Una vera e propria ventata di novità, in questa 59ª edizione, passa anche per l’inedita coppia di conduttori, nuova per la trasmissione ma non per il mondo Zecchino d’Oro, e che si prospetta frizzante e ben assortita. Francesca Fialdini, volto noto di UnoMattina, è un’amica storica dell’Antoniano e ha accompagnato il tour delle Selezioni Nazionali dello Zecchino d’Oro 2016; Giovanni Caccamo, cantautore e vincitore di Sanremo Giovani 2015, è cresciuto musicalmente all’interno di un coro della Galassia dell’Antoniano (Coro “Mariele Ventre” di Ragusa) e aveva calcato il palco dello Zecchino nel 2009 in occasione della trasmissione Music Gate.
 
Divertimento assicurato, tanta musica e molte sorprese anche per quanto riguarda le canzoni: con “Cerco un circo” ci si diverte in una stramba fattoria di animali, senza gabbie né domatori, mentre “Raro come un diamante” ci porta per mano alla scoperta di quella perla rara che è l’amicizia. E da un’amicizia con un piccolo gnomo nasce “Pikku Peikko”, la canzone che rappresenta la Finlandia in questa edizione. Immancabili gli animaletti bizzarri: “Saro” è un simpaticissimo bruco che invita tutti a ballare la sua divertente electro house; il personaggio stravagante de “Il dinosauro di plastica”, l’unico della sua specie arrivato fino a noi, ci fa fare un tuffo nella preistoria dove ritroviamo “Kyro”, che ci avvicina al tempo lontano in cui un bimbo si trova a confrontarsi con le forze della Natura e con la profondità delle pieghe dell’animo umano. Rappresenta l’Inghilterra “Choof the train”, il primo brano scritto interamente in lingua inglese nel repertorio dello Zecchino d'Oro. Dopo aver viaggiato nel mondo dei sogni in “Dove vanno i sogni al mattino”, si ascolta la bizzarra favola di “La vera storia di Noè” brano nato da una musica inedita di Lelio Luttazzi. Dalle vicende di un carciofo un po’ bulletto, che prende in giro ravanelli e carote, in “Quel bulletto del carciofo”, si arriva a “Per un però”, un continuo gioco di musica e parole in cui il divertimento non accetta scuse. Chiude la compilation “L’orangotango bianco” che ha come protagonisti un orango dal capello biondo e la sua regina Oranga, che lo ama così com’è.
 
Seguendo la scia delle novità, anche il mondo dei social network sarà parte integrante della trasmissione e si creerà una vera e propria interazione con il pubblico a casa attraverso un hashtag dedicato: #Zecchino59.
 
Molti i cambiamenti, dunque, ma resta invariato il lancio della campagna di raccolta fondi di Antoniano onlus legata al progetto “Il Cuore dello Zecchino d’Oro” e patrocinata dal Segretariato Sociale Rai, “Operazione Pane”, per il terzo anno consecutivo rivolto alle persone che vivono in povertà.
Dal 19 novembre al 10 dicembre, chiamando da rete fissa o inviando un SMS al 45511, si potrà sostenere la campagna di Antoniano onlus a supporto delle mense e dei servizi di accoglienza francescani in Italia per chi vive in povertà. L’obiettivo è quello di rafforzare l’esperienza avviata da due anni, supportando le mense nell’erogazione quotidiana dei pasti e nelle successive attività di reinserimento per gli ospiti; visti i recenti accadimenti legati al terremoto in centro Italia poi, Antoniano si adopererà per sostenere anche una mensa nelle zone di Ascoli Piceno.
 
Lo Zecchino d’Oro sarà trasmesso a seguire anche su Rai Yoyo ogni sabato alle 21.30. Il programma è sottotitolato per i non udenti alla pagina 777 di Televideo. Si potrà seguire la manifestazione anche sul web collegandosi ai siti www.zecchinodoro.rai.it e sito www.zecchinodoro.org, e in streaming attraverso il portale www.raiplay.it
 
Il programma è firmato da Ennio Meloni, Giovanna Ciorciolini, Fabrizio Palaferri e Angela Senatore. La regia è di Roberto Croce.

RaiPlay
 
Lo Zecchino d’Oro incrocia RaiPlay, il nuovissimo servizio multimediale della Rai.
Un ricco “palco virtuale” per fruire quando e dove si vuole tantissimi contenuti del patrimonio storico della kermesse dedicata ai più piccoli, selezionati dal vasto archivio di RaiTeche.
La Sezione speciale Zecchino Memories offrirà infatti all’utente la possibilità di curiosare gratuitamente fra le tante clip in bianco e nero che hanno segnato la vita televisiva dello Zecchino: volti e brani di ieri che hanno emozionato e fatto divertire, offerti su smartphone, tablet e pc. L’App Rai - disponibile per sistemi operativi iOS e Adroid – garantisce così la possibilità di navigare fra i contenuti in tutta libertà.
Il nuovo sito www.zecchinodoro.rai.it ospiterà come ogni anno i video delle puntate in tempo reale. Una ricca offerta di clip per vedere e rivedere le esibizioni delle piccole ugole d’oro, cantare i nuovi brani, riscoprire gli ospiti e sorridere di tutte le sorprese che questo importante appuntamento non fa mai mancare, sotto il segno della solidarietà e dell’amicizia.
Il tuffo nel passato diventa poi ancora più ricco: cliccando alla sezione “Zecchino Memories” l’utente web potrà scoprire molte altre esibizioni storiche che hanno impreziosito l’evento televisivo dagli anni Sessanta a oggi, da “Fammi crescere i denti davanti” (1962) a “Nonno Superman” (1990), da “I fratelli del Far West” (1966) a “Il contadino” (2010) fino a “Il valzer del moscerino”(1968), con una giovanissima Cristina d’Avena. E, ancora, coloratissimi video tutti da gustare alla sezione “Cartoni dello Zecchino”, che presenta i cortometraggi animati ispirati alle canzoni dell’edizione 2015.
Anche quest’anno si rinnova l’appuntamento con il “Premio Web”: gli spettatori da casa, tramite una sezione del sito creata ad hoc, potranno esprimere la loro preferenza fra i brani dell’edizione 2016. La canzone che avrà collezionato più clic sarà la “reginetta” eletta dal Web, proclamata nel corso dell’ultima puntata dello Zecchino.
Sul sito l’utente può trovare on line tutte le presentazioni dei piccoli interpreti dei brani 2016, e una loro photogallery tutta da sfogliare.