RAI STORIA: DIARIO CIVILE

I padrini. Vito Genovese

03/08/2016 - 21:30

Soprannominato “il boss di tutti i boss”, Vito Genovese è il gangster più pericoloso della storia americana. A lui è dedicata la puntata di “I padrini” - la serie trasmessa da “Diario civile”, con un’introduzione del Procuratore Nazionale Antimafia, Franco Roberti - in onda mercoledì 3 agosto alle 21.30 su Rai Storia.
Vito Genovese ha quindici anni quando nel 1913, partito da Napoli, arriva a New York. Cresciuto nei quartieri poveri, il suo carattere non passa inosservato. Diventa il braccio destro di Charles “Lucky” Luciano, il grande boss mafioso. Nel 1936, dopo la condanna di Luciano, prende il suo posto al vertice della “famiglia”. Ma l’anno successivo fugge in Italia per evitare il processo  per l’omicidio del gangster Ferdinando “Fred” Boccia. Estradato negli Stati Uniti, rimane in carcere per poco perché, dopo la morte dell’unico testimone, le accuse decadono. Dopo la scarcerazione, Genovese decide di ristabilire il suo dominio in seno alla “famiglia” a svantaggio di Frank Costello, che nel frattempo era diventato il boss. Nel 1951 Genovese ordina l’assassinio di Willie Moretti, il vice di Costello, il quale, secondo alcune voci, stava parlando troppo davanti alla commissione d’inchiesta del senatore Estes Kefauver, violando il codice dell’omertà.