RAI: ANDREATTA, "SORELLE" UN SUCCESSO COLLETTIVO CRESCIUTO NEL CORSO DELLE PUNTATE

Non ci sarà un seguito, ma team creativo e produzione già al lavoro per nuovo racconto totalmente originale

14/04/2017 - 13:03

"La serie Sorelle, che si conclusa ieri sera con oltre il 27% di share, è una storia di riscatto e di cambiamento, in un filone di racconto dell’Italia contemporanea e in particolare della  evoluzione della figura femminile. La serie è il successo di un team creativo composto dagli autori Ivan Cotroneo e Monica Rametta insieme alla regista Cinzia TH Torrini, della straordinaria interpretazione di Anna Valle insieme a Ana Caterina Morariu, Loretta Goggi, Giorgio Marchese, Alessio Vassallo e tutto il cast, e della città di Matera, che è stata non sfondo ma protagonista del racconto, in cui il poliziesco e melò si sono mescolati con il gotico e il mistero" ha dichiarato il Direttore di Rai Fiction Eleonora Andreatta in merito allo straordinario risultato ottenuto dalla fiction che si è conclusa ieri sera su Rai1. 
"Il successo di Sorelle, programma più visto in tutta Italia e soprattutto tra le giovani donne - ha proseguito -  è cresciuto nel corso delle puntate, anche nella visione differita su Rai Play che ha raggiunto cifre elevatissime. Segno che l’intreccio aveva colpito al cuore gli spettatori. Come è già successo con “Un’altra Vita”, la fiction con Vanessa Incontrada ambientata a Ponza, ideata dagli stessi autori, anche “Sorelle” non avrà un seguito. La storia è conclusa, con la soluzione del mistero e la nuova vita dei nostri protagonisti. Ma Cotroneo e Rametta, insieme a Rai Fiction e Endemol, sono già al lavoro per un nuovo racconto, totalmente originale, che possa appassionare il pubblico su un’altra vicenda di cambiamento e rinascita di una donna". 
"Le due nuove serie che partono la prossima settimana "Di Padre in Figlia"  e  "Tutto può succedere" - ha concluso Andreatta - sapranno coinvolgere il pubblico di Sorelle con linguaggi e ambientazioni diversi, in quella pluralità di stili e racconti che caratterizza la fiction Rai di questi anni".