RAI: INDIETRO TUTTA 30 E L'ODE

Doppio appuntamento su Rai2 per il trentennale della trasmissione cult, con Arbore, Frassica e la partecipazione di Andrea Delogu

11/12/2017 - 21:00

Due grandi prime serate su Rai2, il 13 e il 20 dicembre alle 21.05, con “Indietro tutta 30 e l’ode”, il programma che segna il ritorno di Renzo Arbore e Nino Frassica a trent’anni dalla storica trasmissione “Indietro tutta”.
Con la partecipazione di Andrea Delogu.La prima puntata in onda in crossmedia anche su RAI Radio2.
Per visualizzare il NewsRai dedicato leggere qui.

 

 

‘INDIETRO TUTTA 30 E L’ODE’ SU RAI RADIO2

 

Mercoledì 13 dicembre, alle 21.05, Renzo Arbore e Nino Frassica tornano su Rai Radio2 per celebrare i 30 anni di ‘Indietro tutta’, il leggendario programma di satira sulla tv. Un anniversario importante, che Rai2 e Radio2 condividono, andando in onda in crossmedia con ‘Indietro tutta 30 e l’ode’, una serata evento per ricordare con le generazioni che quella stagione l’hanno vissuta e per raccontare alle generazioni che non c’erano, uno dei programmi più amati della storia della televisione italiana.

 

Al fianco di Arbore e Frassica, quest’ultimo già voce del fine settimana di Radio2 con il suo ‘Programmone’ – in onda “il sabato, la domenica e il week end”, dalle 13.45 alle 14.30 - a tenere le fila del racconto sarà Andrea Delogu, anche lei voce di Radio2 in onda tutti i giorni con ‘I Sociopatici’ (dal lunedì al venerdì alle 16). E proprio i suoi compagni di viaggio alla radio, Gianfranco Monti e Claudio De Tommasi, commenteranno le due serate su Radio2 per tutti gli ascoltatori che non potranno accendere la tv. ‘Indietro Tutta 30 e l’ode’ sarà un’occasione per rivivere un programma che è stato popolare, nazionale, ma anche ricercato e molto amato dalla critica, perché capace di incidere in modo significativo, con i suoi tormentoni e modi di dire, sul costume italiano.

 

‘Indietro tutta 30 e l’ode’ è anche in streaming su radio2.rai.it, fruibile dalla app di Radio Rai e con contenuti speciali sui social network di @RaiRadio2.
 

RAI PLAY: INDIETRO TUTTA

Tutte le 65 puntate integrali e un’intervista esclusiva a Renzo Arbore

 

A 30 anni dalla sua messa in onda torna su RaiPlay “Indietro tutta!”, lo show in 65 puntate condotto dall'“Ammiraglio” Renzo Arbore e dal “bravo presentatore” Nino Frassica. A partire da oggi, giovedì 7 dicembre, per la prima volta, sarà possibile rivedere nella sezione de “I Favolosi” di RaiPlay tutte le puntate integrali dello storico varietà, introdotte da un’intervista esclusiva a Renzo Arbore e agli scenografi del programma Alida Cappellini e Giovanni Licheri.

Fra lustrini, paillettes, cori scanzonati e vistose macchine sceniche, la parodia del quiz televisivo metteva a nudo, con garbato, ma tagliente sarcasmo, le storture della neotelevisione. La caotica ciurma si componeva di variopinti personaggi, dall'impertinente Riccardino (Mario Marenco) al misterioso Professor Pisapia, dall'indolente notaio al corpo di ballo delle Ragazze Coccodè e a quello del celeberrimo sponsor del Cacao Meravigliao.

Fra continue interruzioni ed esilaranti nonsense, con l’accompagnamento musicale dell’orchestra “Mamma li Turchi”, diretta dal Maestro Mazza, il pubblico del Nord e quello del Sud si contendevano la vittoria di un fantomatico, elevatissimo montepremi, sfidandosi coi quiz selezionati dalla Ruotona della Fortunona. 

Il programma ha creato, tramite tormentoni e gag (“Volante uno, volante due”, “Chiama lei o chiamo io?”, “Manaccia”…), un suo linguaggio specifico, instaurando col pubblico un rapporto di complicità divenuto quasi senso d’appartenenza collettivo. La televisione improvvisata di Arbore, con un ambiente volutamente sfarzoso e grottesco, introduceva inoltre elementi totalmente nuovi, come la regia in diretta dello stesso presentatore, che, dalla sua “tolda”, orchestrava lo svolgersi degli eventi tramite due consolle video.

Fra i grandi ospiti Massimo Troisi, Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, Paolo Villaggio, Maurizio Costanzo e Little Tony, in 65 puntate da rivedere sia prima che “dopo il tiggì”.