RAI STORIA: L’ALTER ECO

Umberto, lo storico delle idee

20/02/2017 - 18:00

“La radio a tarda sera\modula con malinconia\frasi di nostalgia\da una stazion straniera\Il peso di un giorno passato\porta visioni assorte\fatte di cose morte\fatte di non so che”. E’ la radio raccontata da Umberto Eco nella canzone che – giovane studente – scrive con il musicista e fisarmonicista Gianni Coscia, alessandrino anche lui e suo compagno di scuola. Un brano, “La radio a tarda sera”, che Coscia canta per la prima volta in tv nel documentario “L’Alter Eco. Umberto, lo storico delle idee” di Giovanni Paolo Fontana, in onda lunedì 20 febbraio alle 18.00 su Rai Storia. Un omaggio inedito al semiologo, scrittore, filosofo, saggista e professore universitario, nell’anniversario della sua scomparsa.
A raccontare la vita di Eco, oltre all’amico musicista, l’editore Mario Andreose, arrivato in Bompiani subito dopo l’uscita del best seller “Il nome della Rosa”;  Danco Singer, ideatore con Eco del Festival della Comunicazione e della Encyclomedia, la prima grande enciclopedia multimediale; e il pittore e disegnatore Tullio Pericoli, che per decenni ha tratteggiato il volto di Umberto Eco.