RAI STORIA: MISTERI D’ARCHIVIO

1916. Pancho Villa. Vivo o morto

14/11/2016 - 21:10

Pancho Villa: prima un fuorilegge celebrato dai media e sostenuto da Washington, poi il nemico pubblico numero uno degli Stati Uniti d’America. Come accadde un cambiamento così radicale? A rispondere è il nuovo appuntamento con “Misteri d’archivio”, in onda lunedì 14 novembre alle 21.10 su Rai Storia. Nel 1914 il Messico è preda di una guerra civile da quattro anni. Negli Stati Uniti e in Europa, la stampa parla del leader rivoluzionario Pancho Villa come il Robin Hood messicano e  Washington lo vedrebbe bene come presidente del Messico.
Due anni dopo, tutto cambia. Nel mese di marzo 1916, la piccola città di Colombo, in New Mexico, è attaccata da Pancho Villa. Il bilancio è di quindici cittadini americani uccisi. L'aggressione del territorio degli Stati Uniti da parte di una forza straniera è un enorme shock per l'opinione pubblica e il presidente Wilson invia rinforzi militari alla frontiera.
Dopo quasi un anno, migliaia di soldati occuperanno il nord del Messico. La loro missione: catturare Pancho Villa e disperdere le sue truppe. Ma perché una tale dimostrazione di forza da parte degli Stati Uniti?