RAI5: MUSIC ICONS, DOPPIO APPUNTAMENTO

Billie Holiday – A Sensation e Sonny Rollins: Beyond The Notes

03/08/2016 - 21:15

Due icone del jazz, due grandi artisti che hanno lasciato un segno indelebile nella storia della musica. Billie Holiday e Sonny Rollins sono i protagonisti del doppio appuntamento con “Music Icons” che Rai Cultura propone mercoledì 3 agosto su Rai5. Si parte alle 21.15  con il documentario “Billie Holiday – A Sensation” di Katja Duregger. La regista, attraverso le testimonianze di amici, conoscenti, collaboratori e della cantante Cassandra Wilson che ha dedicato alla Holiday un disco di abbagliante intelligenza, bellezza e sensibilità, ci svela una donna dalla forte personalità, non solo una vittima degli stupefacenti, dell’alcool, degli uomini, del razzismo e della segregazione razziale. Un ritratto più realistico di una delle grandi interpreti jazz di tutti i tempi, irriverente verso le convenzioni e con una potenza emotiva accresciuta dalle sofferenze della vita. Il suo impatto sulle colleghe delle generazioni successive è stato notevole in ogni fase della sua carriera. Anche dopo la morte ha continuato a influenzare altre cantanti come Janis Joplin e Nina Simone. Diana Ross interpretò la sua parte nel film “La signora del blues”, tratto dalla sua autobiografia. Alla fine degli anni Ottanta, gli U2 le dedicarono la struggente “Angel of Harlem”: “Lady Day got diamond eyes, she sees the truth behind the lies” (Lady Day ha occhi di diamante, vede la verità dietro le bugie). Tra le canzoni più famose del repertorio di Billie Holiday vanno ricordate “God Bless the Child”, “I Loves You Porgy” e “The Man I Love” di George Gershwin, “Billie's Blues”, “Fine and Mellow”, “Stormy Weathe”r, “Strange Fruit”. Quest’ultima canzone fu negli anni Quaranta l’inno della protesta per i diritti civili.
Alle 22.15, protagonista è il sassofonista Sonny Rollin raccontato dal regista Dick Fontaine in “Beyond The Notes”. Il film, realizzato in occasione del concerto celebrativo per gli 80 anni di carriera di Rollins, insieme al contributo di altre leggende viventi del jazz come Ornette Coleman, segue il viaggio straordinario di questo musicista, caratterizzato dal rifiuto delle convenzioni e degli stereotipi, in una costante ricerca di autenticità e eccellenza. “Beyond The Notes” non è solo un film celebrativo di una delle grandi icone Jazz dei nostri tempi. Ci riporta alla Harlem degli anni ’30 e alla grande epica del jazz, al razzismo di una nazione che da un lato portava al successo artisti neri per poi vietare loro l’ingresso in luoghi pubblici per soli bianchi. Il film affronta le idee e le ripercussioni degli attacchi terroristici dell’11 settembre sino all’alta onorificenza con cui Obama ha insignito Sonny Rollins. Ma è soprattutto la storia di un uomo e della sua incessante ricerca della perfezione.