RAI5: PAPPANO E LISIECKI A SANTA CECILIA

In programma Chopin e Lutosławski

12/07/2018 - 21:15

Il New York Times lo ha definito “un pianista per cui ogni nota è importante”. Per la sua straordinaria sensibilità e maturità interpretativa, ha conquistato a soli 23 anni il favore della critica, oltre a prestigiosi riconoscimenti che lo rendono parte della cerchia dei grandi pianisti oggi attivi nel mondo. È il giovane talento canadese di origine polacca, Jan Lisiecki, il protagonista dell'ultimo concerto di stagione dell'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia diretta da Antonio Pappano, che Rai Cultura trasmette in prima tv giovedì 12 luglio alle 21.15 su Rai5 . Al centro del concerto ceciliano, che lo scorso giugno ha proseguito idealmente la collaborazione nata nel 2013 quando il giovanissimo interprete debuttò ai PROMS di Londra suonando il Concerto in la minore op. 54 di Schumann con l'Orchestra di Santa Cecilia guidata da Pappano, una pagina che contiene in nuce tutta la poetica pianistica di Fryderyk Chopin: il Concerto n. 2 in fa minore op. 21 per pianoforte e orchestra. Presentato a Varsavia nel marzo 1830, alla vigilia del definitivo distacco dalla Polonia, il brano è dedicato all'amica Delphine Potocka, anche se vera ispiratrice fu l'allieva di canto Konstancja Gladkowska, di cui Chopin s'invaghì senza decidersi mai a farsi avanti apertamente. Completano il programma la Sinfonia n. 40 in sol minore K550, che Wolfgang Amadeus Mozart scrisse nell'estate del 1788 senza una precisa committenza, probabilmente ispirato dalle innovazioni aperte a questo genere dalle sinfonie di Haydn, e un altro omaggio alla Polonia: il Concerto per orchestra di Witold Lutosławski. Opera ispirata a melodie popolari locali già elaborate per varie combinazioni di strumenti, rafforzò la notorietà internazionale del compositore grazie al suo slancio e alla sua impressionante energia.