RAI RADIO3: RADIO3 MONDO

Sudafrica: i guai di Zuma

03/05/2016 - 11:00

E’ stata ritenuta irrazionale la decisione di non processare l’attuale presidente del Sudafrica, Jacob Zuma. Lo ritiene l’Alta Corte di Giustizia di Pretoria che ha deciso di riaccendere i riflettori sui guai giudiziari del presidente sudafricano bocciando così il mancato rinvio a giudizio, nel 2009. Sono 783 i capi di imputazione contro il leader dell’African National Congress. Comprendono accuse di corruzione, frode fiscale e associazione a delinquere riferite a un contratto per la fornitura di armi per 4,8 miliardi di dollari,  tutte accuse archiviate alcune settimane prima dell’elezione di Zuma. In questa maniera si apre la strada per una nuova incriminazione. La decisione finale spetta però alla Procura Nazionale che nel 2009 ha decretato il non luogo a procedere spiegando che le accuse nei confronti di Zuma rappresentano un chiaro complotto politico.
Il fallimento dell’impeachment all’inizio di aprile non ha placato le proteste per la destituzione di Zuma, sostenute soprattutto dal principale partito di opposizione, Alleanza Democratica, guidato dal leader Mmusi Maimane. Ma anche lo stesso partito di Zuma, l’African National Congress, secondo gli analisti,  potrebbe sacrificare l’attuale presidente per impedire ogni ulteriore danno politico. Zuma sarà in grado di terminare il suo mandato?  Martedì 3 maggio alle 11.00 a Radio3 Mondo Anna Mazzone ne parla con Gaia Manco, giornalista freelance in collegamento da Johannesburg.