RAI3: SFIDE OLIMPICHE

Il sacrificio e il sogno

21/07/2016 - 23:30

“La fatica non è mai sprecata: soffri, ma sogni”. Parole di Pietro Mennea che sintetizzano il senso del sacrificio e del sogno, due parole protagoniste di “Sfide Olimpiche” il programma di  Simona Ercolani condotto da Alex Zanardi, in onda giovedì 21 luglio alle ore 23.30 su Rai3. 
Mennea, scomparso pochi anni fa, compare in una vecchia intervista rilasciata a “Sfide” in cui racconta tutta la fatica fatta per raggiungere gli straordinari risultati ottenuti in carriera. Ma di Mennea e delle sue imprese parlano anche la velocista Marisa Masullo, l’amico e fisioterapista Raffaele Viscusi, il rivale britannico Allan Wells e il direttore della scuola nazionale di atletica leggera di Formia, Nicola Candeloro.
Volti e storie della fatica diventata sogno sono anche Franco Menichelli e Kerry Strugg, ginnasti che a distanza di tempo sono stati in grado di arrivare alle medaglie olimpiche resistendo anche a gravi infortuni. Come loro anche la bandiera della ginnastica italiana nel mondo, Yuri Chechi, svela il significato di una medaglia olimpica arrivata dopo aver superato il dolore atroce di un infortunio che poteva mettere fine alla sua carriera.
Anche Giuseppe Gentile, medaglia di bronzo nel salto triplo a Città del Messico nel 1968 è un altro totem del sacrificio che sfocia nel sogno. A “Sfide” racconta l’emozione di quella gara che lo portò a battere due volte il record del mondo, cosa che comunque non fu sufficiente a regalargli l’oro.
L’intervista al protagonista dell’Italia Team che rappresenterà gli azzurri in Brasile, infine, è a Frank Chamizo, giovane lottatore italo-cubano vincitore dei mondiali di lotta libera l’anno scorso.